11/06/07

Arezzo punta sull'idrogeno

Arezzo ha imboccato la strada dell'energia rinnovabile e della tutela dell'ambiente e sembra non volersi fermare.
Pochi giorni fa, infatti, è stato firmato un nuovo protocollo tra enti locali, aziende di servizi, ed imprese che va ad integrare quello siglato nei mesi scorsi che delinea il piano di sviluppo dell’iniziativa:



La prima fase di attuazione del progetto ha consentito la realizzazione di un idrogenodotto sotterraneo nell’area industriale di San Zeno e la generazione distribuita di energia a partire dall´idrogeno erogato alle aziende, in particolare alle imprese orafe che utilizzano ormai da decenni idrogeno in grande quantità. Quella realizzata è la prima urbanizzazione a idrogeno d´Europa ed è comprensiva di un centro di stoccaggio, di cogeneratori a idrogeno installati presso le aziende, servizi ed altre strutture di supporto tra le quali anche il laboratorio dimostrativo HydroLAb.

Clicca qui per leggere tutto l'articolo.




Come direbbe Vasco, 'Continua così, che vai bene!'.


Segnala questo articolo

5 commenti:

  1. Salve
    Spero che abbia maggior fortuna della Centrale di Compostaggio.
    Anche quella realizzata da giovani brillanti e motivati (ed anche quella allora era definita la prima d'Europa a quel modello), ma che poi è finita nel "dimenticatoio" collettivo.
    Come si può vedere anche ad Arezzo le intelligenze non mancano (vorrei vedere su 100.000).
    Il problema è che dopo qualche hanno di "battaglie" giovanili (un pò come l'acne), finisci per "accontentarti" e a vivere di rendita. E questo è un peccato soprattutto per quelle persone che ne hanno di cose da dire e da fare.

    RispondiElimina
  2. Mamma mia, Sampaku!
    Sempre ipercritico ^__^

    Me lo lasci un commento ottimista, la prossima volta? ;P

    RispondiElimina
  3. Te lo lascio io!

    Le macchine a idreogeno sono pronte da un pezzo e se finalmente si potranno approvigionare di combustibile, arriveranno presto per le strade!

    ;-)

    RispondiElimina
  4. Io sono un inguaribile ottimista (delle volte anche troppo)!
    Però mi sono abituato a vedere e soppesare la realtà con i miei soli occhi.
    Questo mi porta delle volte a praticare: "la critica costruttiva".
    Che è cosa ben diversa della "critica fine e se stessa".
    Fatta troppo spesso e troppo spesso presa in considerazione da chi preferisce "stare alla finestra" a guardare come si evolvono gli eventi per poi essere pronti alla fatidica frase : "IO l'avevo detto", e poi con un salto acrobatico a salire sul carro del vincitore di turno.
    Però è vero, un tempo mi entusiasmavo molto facilmente; non ho abbandonato questa pratica, solo ora mi entusiasmo per altre cose!

    RispondiElimina
  5. E io mi entusiasmo per queste! ^__^

    RispondiElimina

Lasciate un commento, ma ricordate di rispettare sempre la netiquette ;)